martedì 8 marzo 2011

........ANCORA UNA CROSTATA?ovvero come diventare dipendenti dal burro salato

FROLLA AL BURRO SALATO E DOPPIO CIOCCOLATO CON ZABAIONE ALL'ARANCIA E GLASSA FONDENTE AL BURRO SALATO

Burro salato secondo round!

Faccio capolino da queste parti: ho avuto la fortuna anche questa volta di poter partecipare al contest di Fattorie Fiandino in collaborazione con Sandra e liberlab, in palio la pubblicazione della propria ricetta su un libro edito da Araba Fenice, una bella sfida davvero! Mi sono tuffata a capofitto nella burrosità dei 2 panetti di burro 1889 recapitati a casa (con una golosissima sorpresa in più: il Gran Kinara) e mi sono persa, quasi letteralmente, con il rischio di finirlo tutto prima di trovare la ricetta giusta….e comunque anche questa volta sono riuscita a sterminarlo senza prima sperimentarlo nel caramello salato.

Sono stata indecisissima fino all’ultimo minuto, lo ribadisco, per me la morte di un burro salato di alta qualità come questo è spalmato su una fetta di pane tostato fatto in casa, possibilmente integrale. Punto, non ci sono storie.

Però devo ammettere che ci sono altre preparazioni in cui l’utilizzo del burro salato mette in risalto i sapori. Per mio gusto particolare: per il caramello appunto, per mantecare un buon risotto, per condire a crudo paste fatte in casa, per la pasta frolla. Tipo che userei sempre il burro salato per la frolla da quanto viene bene. Avevo appena sfornato due teglie di cookies al cioccolato tipo newyorkers (da urlo, alla faccia della modestia) e mi si è accesa la lampadina: usare l’impasto dei cookies (senza il lievito) come base per una crostata. Il ripieno si è materializzato di conseguenza, una volta uscito il guscio dal forno è arrivato lo zabaione e poi una semplicissima quanto perfetta glassa al burro.

Frolla al burro salato e doppio cioccolato con Zabaione all'arancia e Glassa fondente al burro salato

FROLLA AL BURRO SALATO E DOPPIO CIOCCOLATO CON ZABAIONE ALL'ARANCIA E GLASSA FONDENTE AL BURRO SALATO

cookies-frolla:

145 gr di burro salato 1889 Fattorie Fiandino a temperatura ambiente

140 gr di zucchero di canna mascobado

scorza grattugiata di 2 arance

1 uovo

250 gr farina di farro bianca

100 gr di cioccolato fondente 71%

100 gr di cioccolato al latte

scorza grattugiata di 2 arance

zabaione all'arancia:

60 gr di zucchero grezzo di canna chiaro

scorza grattugiata di 2 arance piccole

5 tuorli

10 cucchiai di marsala

glassa:

100 gr di cioccolato fondente 71%

due noci abbondanti di burro salato 1889 Fattorie Fiandino


cookies-frolla:

Amalgamate il burro morbido, lo zucchero e le scorze con l’aiuto di una spatola, unite l'uovo. Quando è incorporato unite la farina setacciata, poi i due cioccolati tritati grossolanamente a coltello (lasciate anche qualche pezzettone come per i biscotti). Formate una palla, avvolgete nella pellicola e lasciate riposare in frigorifero una notte. Lasciate riposare l'impasto a temperatura ambiente per 15 min, stendetelo con un mattarello su un foglio di cartaforno e rivestite una teglia di alluminio da 26 cm. rimettete in frigo per 30 min, quindi cuocete in bianco coperta con carta forno e legumi secchi a 190°. Dopo 15 min togliete i legumi e la carta, cuocete per ancora 12 min quindi sfornate e lasciate raffreddare.

zabaione all'arancia:

Tritate lo zucchero e le scorze nel macinacaffè per ottenere una pasta profumata (per polverizzare le scorze in modo che non ci siano grumi nella crema). Montate con le fruste elettriche i tuorli e la pasta di zucchero in un polsonetto adatto alla cottura a bagnomaria, finché diventano gonfi e spumosi. Unite il marsala continuando a montare, immergete la pentola a bagnomaria, mantenendo il fuoco bassissimo (l’acqua deve appena fremere) montate con le fruste finché la crema non si addensa (circa 10 minuti). Spegnete il fuoco, continuate a montare per 5 min finché lo zabaione non è tiepido. Versate la crema nel guscio di frolla e lasciatela raffreddare.

glassa:

Sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente con il burro. Lavorate delicatamente con un cucchiaio per rendere la glassa morbida e lucida, quindi versatela ancora calda sullo zabaione, livellate con il dorso di un cucchiaio e lasciate solidificare.

17 commenti:

  1. torta strepitosa e di gran lunga d'effetto, non vedo l'ora di porvarla.... bacino tesoro

    RispondiElimina
  2. dimmi che non è ancora finita! dimmelo, ti prego!!!! NE VOGLIO UNA FETTA. ADESSO!! è l'unica volta in cui scrivendo un commento del genere ho una benchè minima possibilità che il mio desiderio diventi realtà! :P
    Giò hai avuto un'idea strepitosa, davvero!!! la metto nella mia to.do list, troverò in questa cittadina il burro in questione secondo te???

    RispondiElimina
  3. Bellissimo, devo assolutamente farlo!!! Grazie della ricetta!

    RispondiElimina
  4. Socia..TU SEI UN GENIOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!

    RispondiElimina
  5. Molto molto buona!!! Me la segno!!

    RispondiElimina
  6. certo chi può dire di no ad una fetta di frolla golosa come questa???
    una meraviglia cara Giò!

    RispondiElimina
  7. il burro salato non l'ho mai assaggiato, ma solo a vederla io son già dipendente da questa crostata!!!

    RispondiElimina
  8. Sto per avere un mancamento...

    RispondiElimina
  9. Che bella questa crostata, una vera goduria!!!!

    RispondiElimina
  10. Quella dipendenza la conosco bene...da quando me lo sono visto recapitare a casa, ho usato il burro salato per farci caramello su caramello e frolle su frolle...ma quant'è buono?! Sicuramente impiegato in questa crostata diventa ancor più delizioso...è un dolce troppo golosooooo!

    RispondiElimina
  11. Bellissima la torta, bellissime le foto!

    RispondiElimina
  12. Ciao, molto bella ed invitante questa torta. Ricercata negli ingredienti e nel gusto finale.
    Eh si...questo burro salato ci sta creando dipendenza eh?!
    baci baci

    RispondiElimina
  13. Ciao e piacere di conoscerti. Questa ricetta è strepitosa e per una golosa come me è il massimo

    RispondiElimina
  14. Per me il burro è l'essenza della cucina in tutte le forme salate dolci miste, non c'è niente di buono e questa ricetta costruita ad oc è davvero interessante, faccio crostate e biscotti da temepo quindi la pasta frolla è il mio cavallo di battaglia, per questo voglio assolutamente provare la tua ricetta. me la vado a stampare subito. Ciaooooo:))

    RispondiElimina
  15. avevo scritto un papier mannaggia s'è cancellato, riassumo che per me il burro è la massima espressione dei sapori in cucina dolci o salati che siano e la pasta frolla, crostate e biscotti ne produco in quantità, la tua ricetta mi intriga parecchio davvero, fatta ad oc, la stampo subito per provarla. ciaoooooo:))

    RispondiElimina
  16. Complimenti fantastica.... sicuramente buonissima fa ingrassare solo guardarla....ah ah ah se ti va fai un salto nel mio blog...

    RispondiElimina
  17. mi piac complimenti splendide ricette e ti seguo con molto piacere...passa nel mio blog anche se sma ono i alle prarmi se ti va ciao :)e il tuo blog

    RispondiElimina